Vediamo come scegliere il vino giusto per il pranzo di Natale.

Il pranzo di Natale, secondo la tradizione, ha un menu molto ricco.

Superata la cena di magro della vigilia, nel pranzo di Natale troviamo carni, salumi e paste con sughi ricchi.

Tante le portate, che vanno dall’antipasto al trionfo finale di dolci di ogni tipo. Anche in questo caso, andando per ordine

  • Per antipasti di salumi e formaggi stagionati

Possiamo scegliere un vino novello, giovane oppure rossi morbidi come ad esempio il Lago di Caldaro, il Santa Maddalena o il Lambrusco

  • Per antipasti di verdure e formaggi freschi

Bianchi leggeri come il Bianco di Custoza, il Verdicchio di Jesi, il Verdicchio di Matelica, o un Sylvaner

  • Per i primi di paste ripiene, con sugo di pomodoro e ragù

Rossi medi, di media acidità come ad esempio il Morellino di Scansano, il Merlot, il Cerveteri, Nobile di Montepulciano

  • Per i primi con sughi bianchi

Bianchi corposi come Chardonnay, Vernaccia, Gravina, Vermentino

  • Per le carni e gli arrosti

Rossi decisi come ad esempio Refosco, Bonarda, Merlot, Teroldego, Rossi del Salento

  • Per i dolci

Con il Panettone e il Pandoro possiamo servire uno spumante oppure un vino moscato

Con dolci e torte al cioccolato possiamo servire vini rossi liquorosi, come ad esempio Ruju, Porto, Marsala di qualità

Con la frutta buy Doxycycline online secca e i dolci tipici come ad esempio il Pampepato, possiamo servire bianchi liquorosi come ad esempio il Vin Santo, il Passito di Pantelleria, il Recioto.